Il benessere nel piatto: l'antipasto salutare e stellato firmato Moreno Cedroni

Un antipasto salutare e stellato a basso livello calorico e contenuto proteico ad alto valore biologico, firmata da Moreno Cedroni, chef 2 stelle Michelin patron dei ristoranti Madonnina del pescatore di Senigallia, il Clandestino di Portonovo e di Anikò di Senigallia.

Tratta dal libro "Il gusto di stare bene" scritto a quattro mani da Cedroni e dal medico nutrizionista Antonio Moschetta, che coniuga la scienza della nutrizione e il piacere del buon cibo, svelando la verità sugli alimenti salutari con 100 ricette ideate dallo chef bistellato.

Seppia piselli e uova Moreno Cedroni

L'antipasto Seppia, piselli e uovo, in particolare, facile da preparare a casa, svela alcuni dettagli inediti sulle proprietà degli ingredienti: «La seppia è un mollusco ipocalorico, - spiega Antonio Moschetta - pertanto è indicato nei regimi alimentari a ridotto apporto calorie. Vanta, altresì, del contenuto di proteine al alto valore biologico. L’assunzione congiunta di pomodori e piselli fornisce una buona dose di antiossidanti (licopene del pomodoro e vitamina C è beta-carotene dei piselli)» .

Ricetta Seppia, piselli e uovo

Ingredienti per 4 persone

Seppia pulita 800 g
Vino bianco secco 50 g
Pomodoro pelato 200 g
Olio extravergine d’oliva 50 g
Acqua 100 g
Cipolla bianca 15 g
Piselli 100 g
Uova 4
Sale fino 5 g

Seppia piselli e uova Moreno Cedroni

Preparazione

Tagliare la seppia a strisce di circa 5 cm di lunghezza, versare in padella l’olio extravergine con la cipolla bianca tritata, aggiungere la seppia e, a fuoco medio, aggiungere il vino bianco secco e far evaporare. Appena le seppie iniziano a cambiare colore in un bianco più acceso, toglierle, dopo pochi minuti saranno già tenere, e tenerle da parte. Aggiungere poi il pomodoro pelato, l’acqua per aiutare la cottura e far sobbollire per circa 15 minuti, regolare di sale, quindi aggiungere i piselli tolti dal baccello e passati per un minuto in acqua bollente e le seppie e a fuoco basso rompere le 4 uova una vicina all’altra, coprire la padella con un coperchio per un paio di minuti, giusto il tempo di far coagulare l’albume e rendere il tuorlo di media consistenza. Prendere con una paletta, senza romperlo, l’uovo con tutto ciò che ha attaccato, quindi seppie pomodoro e piselli. Si consiglia di mettere alla base del piatto una fetta di pane di farina d’orzo tostata per raccogliere tutto il sughetto che rimane.