Lo chef Vittorio Fusari approda al Balzer di Bergamo

Lo storico Balzer di Bergamo, dal 1850 punto di ritrovo per la città lombarda, riformula la sua offerta gastronomica puntando sulla cucina ricercata dello chef Vittorio Fusari, da poco approdato dietro i fornelli del locale.

Noto in tutta la città per la sua pasticceria, situata tra gli eleganti portici che si affacciano sul Sentierone, di fronte al Teatro Donizetti, il Balzer incarna una delle soste gourmand per eccellenza di Bergamo per un caffè, un aperitivo, un gustoso pranzo o un goloso dolce, tramandando antiche ricette e preparazioni innovative con un'attenzione particolare alla selezione e alla lavorazione della materia prima.

Vittorio Fusari al Balzer

Da oggi con l'esperienza dello chef Vittorio Fusari, l'offerta gastronomica del bistrot acquisisce ancora più qualità e prestigio. «Quando i titolari della S-Link Patrizio Locatelli e Lorena Scupelliti, – spiega Vittorio Fusari - con cui avevo già portato a termine il progetto del Wine Gate 11 all’aeroporto di Orio al Serio (BG) e dello spazio del Parmigiano Reggiano all’interno di FICO a Bologna, mi hanno proposto Balzer avevo già deciso, per motivi familiari, di chiudere la mia esperienza a Al Pont de Ferr di Milano. La sfida era nelle mie corde perché non si trattava una proposta commerciale, ma della rinascita di un luogo simbolo di Bergamo e perché ritenevo fosse arrivato il momento di instaurare un rapporto più trasversale ed universale con il cibo».

Fusari, nell’elaborare una nuova formula per il Balzer, è partito dal concetto di “osteria”, dall’analisi di un luogo di incontro e aggregazione di una comunità, una natura già nelle corde del locale, storico bar punto d’incontro per gran parte della comunità bergamasca, impreziosendo il menu di ricette articolate e ricercate, perfette per qualunque momento della giornata.

Vittorio Fusari al Balzer

Una sfida perfettamente in linea con l'esperienza dello chef bresciano, la cui carriera, fin dagli esordi, è stata sempre ricca di intuizioni felici. Nel 1981, quando fonda a Iseo Il Volto, propone un antesignano dei wine bar odierni, puntando tutto sulla qualità assoluta dei vini di Franciacorta, mentre dal 1989 al 1995 al ristorante Le Maschere, sempre a Iseo, la creatività lo conduce allo sdoganamento dalla cucina tradizionale, con pennellate sperimentali proposte in seguito anche a Il Volto, dove la cucina innovativa si abbina in un delizioso connubio ai grandi vini locali. Nel 2007 è la volta di Dispensa Pani e Vini a Torbiato di Adro: un intimo rifugio gourmet, pensato per consentire a chiunque di testare la cucina d’autore, fondato con la collaborazione di un volto noto dell'imprenditoria di settore in Franciacorta, Vittorio Moretti. Un’osteria moderna fedele alla cucina tradizionale e all'antica sapienza familiare, contaminata da tocchi contemporanei. Infine, l'approdo a Milano nell'anno dell'Expo al Pont de Ferr.

Vittorio Fusari al Balzer

Una lunga e appassionata carriera al servizio del suo territorio che oggi affronta un'ulteriore sfida con la rinascita del Balzer, dove l'estro di Fusari contamina ogni reparto, dalla pasticceria alla gelateria, dalla panificazione alla nuova forma di ristorazione proposta: veloce, gourmet e sana. 

Spazio dunque a materie prime fresche prediligendo le biodiversità locali, i prodotti da agricoltura biologica e l’impiego di tecniche di cottura, raffreddamento, fermentazione e trasformazione più tradizionali, seguendo la stagionalità dei prodotti. Altra priorità la reinterpretazione in chiave moderna di piatti e dolci storici del Balzer, quelli cari alla memoria dei bergamaschi, resi più sani e leggeri.

www.balzer.it