Profumi di autunno: la Castagna di Cuneo IGP

Sapore dolce, delicato e invitante croccantezza per un frutto che racchiude tutti i profumi dell'autunno: la Castagna di Cuneo IGP.

Castagna di Cuneo Igp

Prodotta in circa 110 comuni della provincia di Cuneo, la pregiata castagna, appartenente alla specie Castanea sativa M., vanta una storia antica, risalente alla fine del XII secolo, come testimoniano alcuni documenti in cui si fa riferimento alla coltura di castagni nelle valli circostanti, incrementata poi nel corso dei secoli, così come il commercio e il consumo del frutto, sin da allora venduto sia fresco che secco.

Castagna di Cuneo Igp

Coltivata su terreni ricchi di sostanza organica e privi di calcare attivo, perfetti per conferirle peculiari caratteristiche organolettiche, la Castagna di Cuneo, appena raccolta, può essere trattata in acqua calda o essere sottoposta alla tecnica della "curatura", ovvero l’immersione dei frutti in vasche colme di acqua a temperatura ambiente per circa 7-9 giorni, un processo in grado di produrre una leggera fermentazione che consente di creare un ambiente sterile senza l’aggiunta di additivi. Per la variante secca, invece, si procede con la tradizionale tecnica dell’essiccazione a fuoco lento in apposite strutture in muratura chiamate "secou"(seccatoi).

Castagna di Cuneo Igp

La Castagna Cuneo IGP allo stato fresco presenta una forma ovale e un colore oscillante tra il marrone chiaro e il bruno scuro, con l’ilo più o meno ampio, dalla tonalità nocciola e raggiatura stellare, l’epicarpo giallo o marrone chiaro e il seme bianco tendente al crema.

Gustosa e piacevolmente croccante, la castagna si rivela perfetta per il consumo in purezza, fresca, arrostita o lessata, ma anche come ingrediente principale di ottimi dolci, dai castagnacci ai necci, dalle mousse ai budini, dalle creme ai gelati.

Castagna di Cuneo Igp

Secche, le castagne si prestano molto bene a vari abbinamenti salati, soprattutto se lessate in poca acqua e servite calde, mentre la farina ottenuta dai piccoli frutti è perfetta se impiegata nella preparazione di piatti tradizionali cuneesi come polente, tagliatelle e gnocchi.