Chaîne Toscana Francigena: Gran Galà alla Villa medicea di Artimino

Un evento prestigioso con tre protagonisti dell'eccellenza made in Italy nel mondo, cucina moda e arte, prima soirée ufficiale organizzata del neonato Bailliage Chaîne Toscana Francigena, il nuovo club della Chaîne des Rotisseurs: la splendida cornice della Villa medicea di Artimino ospita il debutto dell’inedita realtà con un esclusivo Gran Galà, di scena il 9 dicembre.

Chaîne Toscana Francigena

I suggestivi saloni della Villa dei Cento Camini, patrimonio mondiale Unesco, faranno da parterre al debutto del bailliage toscano davanti al presidente nazionale Chaîne des Rotisseurs d’Italia, Roberto Zanghi, presentando le attività e i valori da promuovere attraverso un'elegante serata presentata dal noto conduttore Beppe Convertini.

Chaîne Toscana Francigena

Food e fashion, pilastri della cultura e dell’economia del Belpaese, diventano così l’emblema dell’extraordinary Italian Style promosso dalla Chaîne Toscana Francigena, in linea con la mission della Confrérie de la Chaîne des Rotisseurs, società gastronomica internazionale fondata a Parigi nel 1248 e rifondata successivamente nel 1950, impegnata nella diffusione della cultura della gastronomia e dei suoi valori, dal piacere della tavola ai valori dell’amicizia e della convivialità.

Chaîne Toscana Francigena

Il nuovo Club della Chaîne des Rotisseurs vede in prima linea la Presidente Giovanna Elettra Livreri, avvocato e direttore generale della prestigiosa camera estera CC-ICRD (Italia Caraibi e America Latina), all’organizzazione e direzione artistica Cristina Vittoria Egger, Charge des Missions e Gran Dama della Real Casa Savoia e, nelle vesti di madrina del Bailliage, Anna Accalai, designer e Charge des Missions D’Italie. Un team tutto al femminile che garantisce il giusto connubio tra gastronomia, moda, arte e cultura.

La serata vedrà esclusivi momenti dedicati alla moda, con le creazioni del talento internazionale Dario Biglino, direttore creativo e fondatore della maison Avaro Figlio. Ampio spazio poi all'arte orafa di Berg gioielli, alle calzature Fabi Luxury Shoes, al Virage di Lonville “exceptional watches in limited series for watch enthusiast”, il nome del primo orologio del brand Lonville che rinasce dopo 50 anni di silenzio. L'arte vivrà invece attraverso la pittura di Mădălin Ciucă e le opere dello scultore internazionale Fabrizio Savi.

Chaîne Toscana Francigena

Il gusto, altro protagonista della serata, sarà declinato nelle portate create ad hoc per la cena placee da Michela Bottasso, chef del Biagio Pignatta, il Ristorante del complesso di Artimino. In questo luogo suggestivo, circondato dalla natura, la chef adotta una filosofia culinaria a chilometro 0, realizzando piatti raffinati, esempi perfetti di contaminazione tra cucina e arte, impiegando ingredienti naturali, autentici, coltivati nel grande orto di 5000 metri quadri attiguo al ristorante.

Chaîne Toscana Francigena

Le materie prime, abilmente combinate tra loro, sprigionano così gusto e freschezza, rivelando delicati accostamenti di gusto, come quelli che caratterizzano uno dei piatti protagonisti della serata: Petto d'anatra alla Caterina de' Medici, ricetta d'autore firmata dall'Executive Chef, rivisitazione in chiave contemporanea di un grande classico della cucina medicea, importata in Italia dalla Francia proprio dalla nipote di Lorenzo il Magnifico.

Ingredienti

8 petti di anatra
1\2 cipolla bianche
1 rametto di timo
5 arance
1 bicchiere di brandy
200 gr. fondo di vitello
50 gr. di burro
Olio d’oliva q.b
Sale e pepe q.b.

Preparazione

Cuocere i petti d’anatra in una padella calda, salarli e sistemarli in una placca da forno. Sgrassare la padella, sfumare con il brandy e aggiungere il succo d’arancia, quindi ridurre della metà e aggiungere il fondo di vitello, riportare a bollore e montare con il burro. Terminare la cottura dell’anatra in forno.