Ospite d’onore alla XX edizione di Maison & Objet è l’architetto Oki Sato, in qualità di Designer of the Year 2015 e alla guida di Nendo, studio di design con sedi a Milano e Tokio. Per l’occasione è stata allestita una Chocolatexture lounge e set Chocolatexture.

Diapositiva2“Chocolatexture lounge” è il nuovo progetto di Nendo per i chocolate-design addicted: non una semplice caffetteria ma un’area multisensoriale di grande impatto visivo-emozionale, in cui si ha la sensazione di essere avvolti da una morbida onda di cioccolato. Un bosco di 2.000 tubi di alluminio, dipinti nelle varie gradazioni del cioccolato, lascia spazio a sedute, sgabelli e tavoli dalle forme morbide, progettate da Nendo e realizzate da prestigiose aziende italiane, quali Capellini, Desalto, Emeco, Glas Italia e Moroso.

Nendo19 tipi di cioccolatini tutti perfettamente della stessa dimensione, 26x26x26mm, in cui la forma rigorosa e geometrica determina la percezione del gusto. Spigoli, microsfere, interni vuoti, estremità appuntite, texture di superficie ruvida e liscia contribuiscono fortemente, accanto alla sapiente lavorazione e alle materie prima di eccellenza, a conferire al cioccolatino più gusto.


cioccolatiniLa creazione di questi cioccolatini, precisi fino all’ultimo millimetro, è stata ispirata dal Giappone, patria d’origine dello studio di design Nendo. Piccoli elementi di design dalle delicate onomatopee giapponesi suggeriscono la sensazione della texture:
Tubu-Tubu, cioè piccole gocce di cioccolato
Sube-Sube, cioè “angoli lisci e smussati”
Zara-Zara, cioè “sferule in fila”
Toge-Toge, cioè “forme appuntite”
Goro-Goro, cioè “14 piccoli cubi collegati”
Fuwa-Fuwa, cioè “arioso, pieno di fori”
Poki-Poki, cioè “cubo incompleto costruito con dei bastoncini”
Suka-Suka, cioè “cubo cavo”
Zaku-Zaku, cioè “aste sottilissime che una sull’altra formano un cubo”

domus-09-nendo-chocolatexture