I Migliori Vini Italiani 2018: tappa a Torino con i nettari del Piemonte

I Migliori Vini Italiani 2018 sbarca a Torino e assume le sfumature dei pregiati rossi piemontesi: dal 4 al 6 maggio la kermesse di Luca Maroni sarà ospitata nella splendida cornice del Salone delle Feste dell'Hotel Principi di Piemonte.

I Migliori Vini Italiani 2018

Photo Credits: Lorenzo Abbate

La tre giorni torinese sarà l'occasione per presentare e premiare i migliori vini di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta, tutti da gustare attraverso degustazioni e performance polimateriche, guidate come sempre dalla maestria di una delle più autorevoli firme dell'enologia italiana, Luca Maroni, in un vero e proprio viaggio sensoriale alla scoperta delle ricchezze vitivinicole delle regioni.

I Migliori Vini Italiani 2018

150 etichette in degustazione, oltre 30 Cantine aderenti, 60 espositori e centinaia di bottiglie da assaporare: questi i numeri de I Migliori Vini Italiani 2018, che per l'occasione propone anche i laboratori sensoriali dedicati al vino e ai prodotti del territorio della Tuscia, in un incontro sublime tra i sapori del viterbese e quelli piemontesi.

I Migliori Vini Italiani 2018

Guest star d’eccellenza lo chef stellato Marcello Trentin del Ristorante Magorabin di Torino, chiamato a dar vita, insieme al critico, alle attesissime degustazioni polimateriche, inedite e coinvolgenti esperienze gustative che vedranno lo chef impegnato nella preparazione di alcuni piatti ispirati ai profumi della terra, quali le “Tagliatelle al Tartufo”, i “Tacos di Cervo” e il “Melone Cacio e Pepe”.

I Migliori Vini Italiani 2018

Durante le degustazioni saranno saggiati, valutati e scoperti i riflessi odorosi e i rispettivi sentori profumati di vini, essenze e cibo, per la prima volta degustati in comparazione l’uno con l’altro, animando tutti i sensi. Ad ogni calice verranno infatti affiancate le essenze odorose prodotte dall’ICR Cosmetics della famiglia Martone, da ritrovare poi nelle note profumate dei vini.

I Migliori Vini Italiani 2018

Non mancherà poi l'appuntamento con la sperimentazione polisensoriale, con la presentazione del primo Annuario delle Migliori Poesie Mondiali, in cui Luca Maroni applica i principi dell'analisi sensoriale ed emozionale alla poesia. Il critico, infatti, allarga il raggio d'azione del suo metodo, disegnando un ritratto dell'animo umano e delle sue più alte espressioni sensoriali ed emotive attraverso l'analisi di 999 opere di 182 artisti di tutto il mondo.

www.imiglioriviniitaliani.com