La cucina delle erbe spontanee: un viaggio tra i profumi del bosco

Un viaggio alla scoperta dei profumi e dei sapori delle erbe selvatiche, abilmente preparate da due celebri chef, espressione di due tradizioni regionali diverse, ma accomunati dalla stessa passione: il libro edito da Giunti La cucina delle erbe spontanee, scritto da Mariangela Susigan, chef una stella Michelin del Ristorante Gardenia di Caluso (TO) e Alessandro Gilmozzi, padrone di casa di El Molin a Cavalese (TN).

La cucina delle erbe spontanee

«Era un piacere andare nel bosco a raccogliere i piccoli frutti,  pur graffiandomi le mani tra i rovi e i legnetti per fare il fuoco. Fin da allora questa natura ha messo profonde radici nella mia anima».
Mariangela Susigan

Con queste parole la regina delle erbe spontanee racconta nel libro le origini della sua passione per le valli piemontesi, la stessa condivisa anche da Gilmozzi, tra i migliori chef italiani di cucina di montagna, perfezionata nell'atmosfera magica e incantata dei boschi trentini.

La cucina delle erbe spontanee

Non un semplice libro di ricette dunque, o almeno non solo questo. Il volume è la storia di un incontro e di un “innamoramento”, quello degli autori con le valli alpine dove vivono e lavorano, un suggestivo viaggio sulle montagne, tra Piemonte e Dolomiti, per entrare nel mondo profumato dei boschi e dei loro tesori culinari.

La cucina delle erbe spontanee

Photo Credits: www.alessandrogilmozzi.it

I due chef raccontano a colpi di ricette la loro filosofia a tavola e la cucina di territorio, fatta con le materie prime locali, simbolo di autenticità e genuinità, tra tradizioni, storia, scienza e magia, mediati dall'aiuto della botanica Lucia Papponi, che spiega, una per una, le 60 erbe protagoniste del libro in apposite schede illustrate.

La cucina delle erbe spontanee

Photo Credits: www.alessandrogilmozzi.it

Barba di capra, aglio ursino, silene bubbolina, pimpinella, luppolo, crescione d’acqua: sono solo alcuni degli ingredienti inusuali e profumatissimi, perfetti per insaporire e caratterizzare i piatti dei due cuochi, consentendo loro di maturare una cucina interessante e innovativa, sulla scia della valorizzazione delle materie prime.

La cucina delle erbe spontanee

Photo Credits: www.alessandrogilmozzi.it

L’asparago di bosco fa da contorno ad uno scampo in salsa di yogurt; l’achillea con lo zenzero condisce il risotto carnaroli, la melissa rossa accompagna la lombata di cervo al moscato, il rabarbaro e la rosa selvatica diventano una crostatina dolce e profumata. Ricette curiose, originali e raffinate, sintesi tra l’estro creativo degli chef e le meraviglie della natura.

La cucina delle erbe spontanee

La cucina delle erbe spontanee si presenta così come un volume dal fortissimo impatto visivo che avvicina il lettore alle suggestioni del foraging, attraversando valli e torrenti, prati e alpeggi nelle 40 pietanze illustrate da Susigan e Gilmozzi, con preziosi consigli e curiosità su come tritare, essiccare, tagliare, conservare ed esaltare al massimo le virtù delle piante selvatiche.