La Vendemmia a Torino: l'eccellenza vitivinicola piemontese approda in città

Le eccellenze vitivinicole piemontesi sbarcano nel cuore storico e culturale della città della Mole con la seconda edizione di La Vendemmia a Torino - Grapes in Town, in programma dal 19 al 21 ottobre nei palazzi storici, nelle residenze reali e nei musei del capoluogo.

La Vendemmia a Torino

Photo Credits: Davide Dutto

Raffinate degustazioni e masterclass dedicate a importanti vini locali, curate da Piemonte Land of Perfection e dai Consorzi di tutela soci, animeranno La Vendemmia a Torino: in particolare, l’Archivio di Stato ospiterà presentazioni e tasting, dove si potranno assaggiare numerose etichette e denominazioni provenienti dalle diverse aree di produzione. Una grande enoteca in una sede aulica dove, passando dai bianchi ai rossi, dalle bollicine ai vini da dessert, con l’ausilio della competenza dei sommelier, si potranno approfondire le conoscenze sull'immenso panorama vitivinicolo piemontese, attraverso la percezione di odori, sapori e struttura di un vino.

La Vendemmia a Torino

Oltre all'Archivio di Stato, l'evento si snoderà tra i Musei Reali, il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano, Palazzo Birago, Palazzo Carignano, Villa della Regina, CAMERA, il MIAAO, il Circolo dei Lettori, passando attraverso le principali vie del centro grazie anche alla collaborazione con Portici Divini.

La Vendemmia a Torino

Anche quest’anno il programma di Vendemmia a Torino – Grapes in Town incrocia infatti quello dell’evento organizzato dalla Fondazione Contrada Torino Onlus, in cui le eccellenze dell’offerta enologica torinese saranno a disposizione di visitatori e appassionati nei locali lungo i portici del centro.

La Vendemmia a Torino

«Iniziative di questo genere servono a fare emergere i rapporti che esistono tra la città e le campagne circostanti. - spiega Filippo Mobrici, Presidente di Piemonte Land of Perfection - Storicamente infatti la città di Torino ha rappresentato il principale mercato per i vini prodotti nella Regione. Il nostro auspicio è quello di contribuire al rafforzamento dell'identità enoica di Torino che, affiancato alla crescita turistica che la contraddistingue, può determinare positive ricadute per l'intero sistema vitivinicolo regionale».

La Vendemmia a Torino

Photp Credits: Alexala

Da segnalare, poi, il convegno dedicato alle vigne urbane a Villa della Regina, con ospiti i vigneti di Torino, Venezia, Napoli, Siena, Brescia e la celebre vigna urbana di Parigi Clos Montmartre, le visite alle cucine e alle cantine seicentesche di Palazzo Carignano, ricordando la passione per il vino del primo ministro dell’agricoltura Camillo Benso Conte di Cavour, la presentazione della nuova guida di Slow Wine e il workshop sulla comunicazione del vino a cura di Eat Piemonte.

La Vendemmia a TorinoQuest’anno, inoltre, nasce il percorso Exclusive: una proposta dedicata a chi voglia scoprire e conoscere alcune realtà "esclusive" della città, con rinomati ristoranti e chef di alto profilo che proporranno menù speciali abbinati ai vini del territorio.

Menzione speciale, infine, per Vendemmia OFF, con appuntamenti a tema dedicati alla cittadinanza, tra cui La Notte della Vendemmia di Eataly Lingotto in programma sabato 20 ottobre, e il mitico Toret da cui sgorga vino anziché acqua con l’iniziativa "Toret in tour".

vendemmiatorino.it