Niko Romito e Birra del Borgo: l'ultima serata di Chef Bizzarri

Si è svolto ieri a Borgorose l’ultimo appuntamento di Chef Bizzarri, l’evento organizzato da Birra del Borgo. Protagonista è stato lo chef tristellato Niko Romito, in linea con l’obiettivo di creare un evento originale di gioco e sperimentazione tra fornelli e abbinamenti tra cibo e birra. Minimo comun denominatore degli eventi della kermesse sono stati l’italianità, la naturalità, la creatività e il gusto.

niko romito birra del borgo niko romito birra del borgo niko romito birra del borgo

Il menù della serata, come anticipato, ha visto le Bombe di Niko Romito affiancarsi alle originali birre Bizzarre. Ecco allora la bomba con pancetta, lattuga e senape abbinarsi alla birra L’Equilibrista: un racconto tra mondo del vino e della birra, realizzata con il 40% di mosto di vino della Tenuta di Bibbiano e 60% di mosto di birra Duchessa che fermentano insieme, creando un’alchimia indimenticabile. I mosti sono lavorati con Metodo Classico, con l’aggiunta di liqueur de tirage. Si tratta di una birra fruttata ed elegantemente vinosa, schiumosa e di colore oro antico.

niko romito birra del borgo niko romito birra del borgo

Lo chef Niko Romito ha poi proposto una deliziosa Bomba con baccalà, abbinata alla birra Sedicigradi, caratterizzata da una complessità notevole nei profumi, nei sapori e nel colore grazie alla sua lunga maturazione. Sentori di vaniglia, noci e malto caratterizzano il suo profumo.

Per finire in dolcezza, una Bomba con Crema Pasticcera ha chiuso il menù di Niko Romito, in abbinamento alla cosiddetta “archeobirra” Etrusca, in quanto realizzata a partire dalla ricerca di una bevanda fermentata in epoca etrusca, selezionando gli ingredienti in base ai ritrovamenti effettuati in diversi siti archeologici italiani.

niko romito birra del borgo niko romito birra del borgo niko romito birra del borgo

Birra del Borgo, Baladin e Dogfish Head, utilizzando tecniche di fermentazione diverse e grazie all'aiuto del professor Patrick McGovern, archeologo molecolare dell’Università della Pennsylvania, si sono così cimentati nell'impresa di ricreare una birra bevuta più di 2500 anni fa, fermentata in anfore di terracotta e caratterizzata da un colore ambrato spento, profumo di miele e frutta rossa.