Perpetual: il laboratorio di cucina a Roma

Un nuovo concept culinario impreziosisce l’offerta ristorativa della capitale, incarnando tre anime in un solo format: Ristorante, Bistrot e Laboratorio di cucina, in una parola Perpetual.

Ristorante Perpetual Roma

Ristorante Perpetual Roma

In un punto nevralgico di Roma, a due passi dal centro, a piazza Iside, tra via Merulana e via Labicana, il nuovo progetto gastronomico lancia la sfida di una ristorazione differente, concetto scelto come slogan di Perpetual, offrendo non soltanto una formula culinaria di alta qualità, ma un vero e proprio locale polifunzionale, distribuito su 750 metri quadrati, di cui metà dedicati alla cucina e altri 80 dedicati al laboratorio artigianale.

Ristorante Perpetual Roma

Ristorante Perpetual Roma

Proprio quest’ultimo rappresenta l’anima più autentica di Perpetual: all’interno del laboratorio lo chef Cezar Predescu e la sua squadra di giovani cuochi, reduci da importanti esperienze all’estero, danno vita a un luogo dinamico e ricco di energie vitali, dove non solo è assicurata la preparazione quotidiana dei prodotti serviti, sempre freschi e artigianali, dal pane, alla pasta, alla pasticceria, ma lo spazio si propone anche come centro di formazione con corsi e master, dove ricerca e sperimentazione si traducono in nuove tecniche culinarie.

Ristorante Perpetual Roma

Ristorante Perpetual Roma

La tavola di Perpetual, infatti, è contemporanea e salutare, caratterizzata da una grande attenzione agli aspetti nutrizionali, un equilibrato bilanciamento tra fibre, proteine, carboidrati e grassi, grazie anche all’apporto di chef Paolo Cappuccio, prezioso consulente per l’ideazione e preparazione dei piatti.

Ristorante Perpetual Roma Ristorante Perpetual Roma

«Una cucina in continuo movimento, costruita intorno al cliente», servita in un ambiente elegante, attento al design, caratterizzato da interni moderni e materiali di pregio. Articolato su tre piani, Perpetual presenta al piano terra la zona bar, con un bancone in legno fossile del Kazakistan, e la sala dedicata al pranzo e all’aperitivo, dall’anima informale. Al primo piano spazio al ristorante gourmet, dallo stile minimal, arredato con tavoli e sedie curati dall’architetto Simone Subitoni, illuminato sapientemente da Davide Groppi. Celato dietro una parete scorrevole, in comunicazione con la cucina, si trova il laboratorio di lieviti e pasticceria. L’ultimo piano, infine, è riservato allo staff, con il laboratorio di ricerca gastronomica e gli ambienti di servizio.

Ristorante Perpetual Roma

Ristorante Perpetual Roma

Seduti ai tavoli del ristorante gourmet, i clienti possono scegliere da una carta accuratamente suddivisa in quattro sezioni: “Divertimento”, “Ricordi”, “Consistenza”, “Dessert”.

Ristorante Perpetual Roma

Ristorante Perpetual Roma

Gustosi e raffinati gli antipasti tra baccalà alle quattro sensazioni, pesto di rucola e limone candito; Alici e burrata, verde e tapenade; Uovo soffice con patata all’olio evo e tartufo; Essenziale di manzo ossia manzo di Fassona Oberto, tuberi e distillato di senape.

Ristorante Perpetual Roma

Ristorante Perpetual Roma

Tra i “Ricordi” le fettuccine con coda e parmigiano, Luce sul Nero ovvero Riso Vialone Salera, consistenza di seppia e oro; Spaghetto Mancini riccio e pecorino. Spazio poi ai secondi con Pollo in autunno con erbe amare, castagne e riduzione di ottonese, Agnello, carciofi, cagliata e patate, San Pietro con broccolo, vongole ed emulsione di mare; e Maialino Viterbese con caffè e bieta. Il menu si chiude con i dessert come la sablè alla nocciola o lo stroisel al cioccolato fondente, realizzati dalla pastry chef Daniela Ruse.