Portici Divini: a Torino vini da gustare sotto i portici della città

I profumi e i sapori dei vini del torinese da gustare sotto i portici della città magica: a Torino, dal 19 al 28 ottobre, torna Portici Divini, la kermesse dedicata ai nettari del territorio, con incontri, degustazioni ed eventi in cui gli intrecci tra produttori vinicoli d’eccellenza e locali, ristoranti e negozi daranno vita a combinazioni inedite, tutte da scoprire.

Portici Divini

L'evento, per i primi tre giorni in concomitanza con La Vendemmia a Torino, è mirato infatti ad esaltare Torino come terra di vini, con le sette denominazioni della provincia protagoniste, 1 DOCG e 6 DOC: Erbaluce di Caluso, Carema, Canavese, Freisa di Chieri, Collina Torinese, Pinerolese e Valsusa, che danno luogo a trentaquattro tipologie di vini, dai bianchi fermi ai vellutati passiti, dagli spumanti ai rossi di pronta beva e da invecchiamento. Una gamma completa e diversificata le cui uve si coltivano dalla pianura alle colline fino ai pendii alpini.

Portici Divini

Organizzato da Fondazione Contrada Torino Onlus, Portici Divini prevede dunque dieci giorni di eventi e degustazioni, di connubi tra ristoranti, pasticcerie e negozi del centro e produttori, fornendo un'occasione per incontrare chi lavora la terra e le vigne, discutere di arte e di vino, assaggiando e imparando ad amare i profumi e i sapori del territorio.

«Portici Divini è una grande opportunità per Torino e per la viticoltura torinese. - spiega Germano Tagliasacchi, Direttore di Fondazione Contrada Torino Onlus - Durante i dieci giorni dell’evento, 29 locali che aderiscono al progetto di riqualificazione urbana Portici e Gallerie di Torino, mirato a  ridare lo splendore che meritano ai dodici chilometri di arcate, e 22 produttori vitivinicoli della provincia daranno vita a eventi che vogliono far conoscere e apprezzare quel patrimonio inestimabile del nostro territorio, ovvero l’enogastronomia. Il fulcro di Portici Divini è la sinergia che siamo riusciti a creare, grazie all’entusiasmo dei produttori vitivinicoli e degli esercenti, tra grandi vini della nostra provincia e i maestri dell’accoglienza targata Torino. Dagli incontri e degustazioni nelle splendide sale di Palazzo Birago ai tanti eventi che vi invitiamo a scoprire passeggiando, come in una caccia al tesoro golosa, nei locali della città, saranno dieci giorni in cui conoscere Torino e la sua provincia, una terra di grandi vini».

Portici Divini

Proprio le porte di Palazzo Birago, sede aulica della Camera di Commercio di Torino, si aprono proponendo un fitto programma di appuntamenti con i protagonisti della realtà vitivinicola torinese, i loro prodotti e realtà gastronomiche locali.

Da non perdere la premiazione dei vini Torino DOC 2019-2020, in programma il 19 ottobre: 45 aziende e 146 vini selezionati dalla Commissione di degustazione della Camera di commercio di Torino in collaborazione con il Laboratorio Chimico camerale.

Portici Divini

«Ogni vino porta con sé la storia delle aziende in cui è nato e l’impegno, la cura, la dedizione quotidiana delle persone che stanno dietro ad ogni bottiglia. - dichiara il Segretario Generale della Camera di commercio Guido Bolatto - Nel Torinese abbiamo aree di viticoltura eroica con vigne tra i 700 e i 950 metri, tanti produttori che si dedicano al biologico, cooperative di viticoltori che riscoprono i vitigni antichi e autoctoni, aziende che con la loro produzione mantengono vive e attive zone agricole altrimenti abbandonate».

Oltre a Palazzo Birago, per due weekend il profumo di vino inebrierà 29 locali disseminati per la città, con serate speciali mirate a diffondere la conoscenza delle eccellenze vitivinicole, coinvolgendo inoltre i partecipanti con degustazioni al buio e improvvisazioni di sommellerie.

www.contradatorino.org