Gli arredi L’Ottocento nascono dall’unione delle antiche e nobili tecniche di lavorazione artigianale degli ebanisti veneti con la ricerca e l’innovazione tecnologica: è grazie a questo connubio che l’azienda di Cittadella riesce ad esaltare le potenzialità espressive del legno massello e a dar vita a opere di fattura sartoriale.

L'Ottocento

Abilità, gusto e passione accompagnano infatti la lavorazione di ciascun arredo, i cui accorgimenti tecnici d’avanguardia ne valorizzano la funzionalità e le raffinate finiture, ottenute da materie prime naturali, celebrano la preziosità del legno, altamente selezionato.

Sono queste le principali caratteristiche dei prodotti L’Ottocento: creazioni senza tempo protagoniste di atmosfere di elegante accoglienza, dove stile ed efficienza si incontrano nel segno di una filosofia aziendale votata alla crescita sostenibile ed alla salvaguardia dell’ambiente. Ogni creazione L’Ottocento è di fatto unica: il lavoro di progettazione e consulenza completamente personalizzate si perfeziona quando tecnica ed estetica creano una combinazione ideale che soddisfa sia i requisiti di conformità agli elevati standard di produzione che le aspettative del cliente.

Per mantenere tali standard, i progettisti dell’ufficio tecnico interno studiano ogni aspetto funzionale, costruttivo ed ergonomico delle cucine e dei mobili da giorno che, prima di uscire dall’azienda, devono superare severi test e collaudi.

L'Ottocento

L’Ottocento è un’azienda votata alla crescita sostenibile ed alla tutela del consumatore e pone grande attenzione alla salvaguardia ambientale in tutte le fasi della filiera produttiva. Una sensibilità, quella per l’ambiente, che inizia in fase di approvvigionamento della materia prima. Per etica aziendale, il legname utilizzato proviene solo da aree soggette a riforestazione controllata, secondo i criteri di eco-compatibilità definiti dalla Certificazione FSC.

L'Ottocento

I tecnici aziendali ricercano e selezionano solo il legno migliore, con le caratteristiche adatte al proprio metodo produttivo. Il massello viene acquistato con una stagionatura minima di 18 mesi, dopo esser stato sottoposto al ciclo di vaporizzazione, in modo da eliminare i batteri naturali contenuti all’interno, e al ciclo di essicazione con ventilazioni alternate di caldo e freddo. Così facendo, il massello, dove la formaldeide è naturalmente presente in quantità irrilevante, può essere lavorato con un grado interno di umidità mai superiore al 10%, per ridurre al minimo il rischio di movimento e assestamenti.

Il legno viene impreziosito da laccature, ottenute a più sequenze eseguite manualmente, la naturalità delle tinte all’acqua e l’utilizzo di vernici ecologiche completano una gestione produttiva e di politica aziendale guidata da una coscienza ecologica che privilegia il consumatore e l’ambiente in cui vive.

L’Ottocento realizza tutte le strutture in legno listellare di abete con spessore 19 mm impiallacciato nelle essenze a campionario o su richiesta. Ogni struttura è rifinita sul bordo anteriore con legno massello di diversa essenza a seconda del modello. L’assemblaggio avviene poi per mezzo di incastri e collanti termoresistenti, in modo da garantirne la solidità nel tempo. Infine, gli schienali sono in multistrato di betulla e lavorati con lievi incisioni decorative.

L'Ottocento

Le ante realizzate, internamente una ad una con il massimo della cura e con lavorazioni e incastri differenti, hanno uno spessore che varia da 30 a 32 mm e proposte in noce europeo, ciliegio europeo, rovere europeo, noce canaletto e frassino europeo. Nel caso di laccature, i tecnici hanno cura di lastronare il massello con la stessa essenza incrociando il verso della venatura sugli spigoli dell’anta. Questo processo viene fatto per limitare al massimo possibili movimenti e curvature tra i componenti dell’anta causati da repentini cambi di umidità e temperatura dei locali in cui gli arredi vengono installati. Infine, le ante vengono costruite con la mezza battuta sul telaio, come se ognuna di queste ante fosse un piccolo serramento, a testimonianza non solo della qualità del prodotto, ma soprattutto perché esso è ancora oggi il più efficace sistema antipolvere che evita guarnizioni o profili plastici antiestetici e deperibili.

I frontali dei cassetti sagomati sono realizzati in legno massello nell’essenza del modello desiderato. I frontali lisci sono in tiglio massiccio in spessore 25 mm e lastronati in essenza, incrociata su ambo i lati per garantirne la stabilità. Le strutture interne sono in massello di frassino e vengono assemblate con incastri a coda di rondine, marchiando a fuoco con il logo aziendale le sponde laterali. Infine le guide per lo scorrimento delle ante sono autolubrificanti, a scomparsa ed estrazione totale, con meccanismo di richiamo ammortizzato per la chiusura.

Proprio nella logica del progredire tecnologico, tutta le ferramenta e i meccanismi di apertura e movimento derivano dai più aggiornati cataloghi delle migliori aziende del settore. Il cliente può inoltre scegliere svariate attrezzature interne, sia per le basi, sia per le colonne, in modo da personalizzare al massimo l’organizzazione del contenimento.

I singoli pezzi costruiti vengono tra loro assemblati e premontati seguendo il progetto complessivo, allestendo il tutto in azienda, prima di effettuare al montaggio definitivo presso il domicilio del cliente. In questa fase vengono collaudati cassetti, ante, eventuali sistemi di movimento e di apertura e, infine, vengono adattate tutte le cornici e i profili di finitura. Tutto questo, abbinato ad un’accurata e preventiva verifica delle misure del locale da arredare, permette di ridurre al minimo il margine di errore. Infine, ogni componente viene smontato e numerato sul retro e poi inviato al reparto interno di finitura e verniciatura. La colorazione delle essenze è ottenuta con ossidi sciolti in acqua e stesi a mano, le vernici di fondo sono a base di polimeri poliuretanici dall’elevato peso molecolare, la vernice per finitura in essenza o colorata per laccati è di tipo acrilico con grado di brillantezza differente a seconda del modello o dell’essenza. In sostanza, tutti i prodotti utilizzati, garantiscono un elevato grado di resistenza alla luce ma soprattutto rendono idoneo l’utilizzo del prodotto finito per esser utilizzato nell’ambiente cucina.

Arch. Paolo Ferrari