Uomini e Champagne: il racconto di Mario Federzoni

Un’appassionata narrazione di uno dei vini più preziosi, un viaggio romanzato alla scoperta della sua storia, strettamente intrecciata a quella degli uomini che lo hanno amato, creato, assaporato, vissuto: è da poco uscito Uomini e Champagne, il nuovo libro di Mario Federzoni, edito da Artestampa.

Uomini e Champagne Mario Federzoni

L’autore condensa nelle pagine del libro la sua accurata conoscenza del vino francese, adottando la formula del romanzo, suddiviso in otto racconti che narrano le origini dello Champagne, reinventando le storie dei leggendari protagonisti di una delle più importanti invenzioni di tutti i tempi, dalle prime coltivazioni di uve in Medio Oriente, alle vicende del celeberrimo frate dom Pierre Pérignon, l’abate che creò il primo Champagne degno di questo nome.

Uomini e Champagne Mario Federzoni

Uomini e Champagne riversa così in 298 pagine ricostruzione storica e abilità narrativa, trasportando il lettore indietro nel tempo, fino all’anno 8126 a.C., epoca in cui è ambientato il primo degli otto racconti, nel lontano Iran: qui, agli albori dell’umanità, Federzoni introduce il primo protagonista del libro, Hodruk. È lui che dà inizio al lungo viaggio storico al centro del volume: la sua evoluzione sociale ed economica, infatti, va di pari passo con quella del vino, con la scoperta e la coltivazione del windro e la decrizione del primo nettare conosciuto, il  wyn, antico antenato del nostro vino.

Uomini e Champagne Mario Federzoni

Ecco allora che a partire da Hodruk si dipanano le vicende di figli, nipoti e pronipoti, passando dall’espansione della vite in tutti i territori dell’Impero Romano al Medioevo, delineando un affascinante parallelo tra l’invenzione di nuove tecniche deputate alla corretta conservazione del vino e appassionate storie d’amore ambientate nella Francia seicentesca; dall’intuizione geniale di Dom Pérignon ai giorni nostri, ricollegando, in otto racconti, la storia del primo capostipite a quella della celebre Maison de Champagne Lebrun, con un unico, grande fil rouge: narrare la storia del vino intrecciandola con la storia dell’uomo.

Uomini e Champagne Mario Federzoni

… E così discorrendo finirono l’intera bottiglia, per la verità quasi tutta bevuta da Lazare. Fu allora che il frate confidò al dottor Sanderson i segreti di dom Pierre Pérignon …

Mario Federzoni