La vite e le sue Regioni: i vini piemontesi

In Piemonte la produzione vitivinicola è molto ricca, grazie all’ampia superficie dedicata alla coltura della vite: il 30 per cento del suo territorio si trova in collina e qui è concentrato il 90% della produzione dei vini piemontesi, con sistemi di allevamento moderni come guyot e controspalliera.

vini piemontesi

Questa regione è celebre per l’eccellenza dei suoi vini rossi, caratterizzati da una particolare complessità e dall’intenso profumo.  La varietà principale piemontese è il Nebbiolo, uva difficile da coltivare e fonte di raffinati e complessi vini, come Barolo, Barbaresco, Boca, Bramaterra, Gattinara, Lessona, Carema, Ghemme e Fara. Altre uve rosse coltivate sulle sue colline sono il barbera e il dolcetto, il brachetto e la freisa, la pelaverga e il grignolo. Da questi vigneti arrivano i celeberrimi Barbera d’Asti, Dolcetto d’Alba.

vini piemontesi

Nonostante i vitigni rossi siano l’eccellenza, il Piemonte si difende bene anche con i vini bianchi, come il Gavi del vitigno Timorasso, l’Erbaluce di Caluso o il celebre Moscato d’Asti, bianco dolce ed effervescente originato dall’uva moscato e conosciuto in tutto il mondo.

Le aree di coltivazione dei vini piemontesi si estendono dalle Langhe al Monferrato, dal Roero al nord del Piemonte. Tra queste, le colline Novaresi e Vercellesi si differenziano dalle altre per il clima e il tipo di terreno, che risulta essere particolarmente acido, povero di calcare e ricco di ferro. Il Monferrato è una zona molto vasta dal clima continentale, caratterizzata da forti escursioni termiche tra estate e inverno: inoltre, qui la piovosità è molto scarsa e il terreno varia da sabbia al limo, fino alla tipologia argillosa.

vini piemontesi

La celebre zona delle Langhe si estende invece lungo la sponda destra del fiume Tanaro, in provincia di Cuneo. La maggiore coltivazione dell’area è quella del vitigno Nebbiolo, grazie a un terreno favorevole di tipo calcareo bianco, morenico e di natura sub-acida nella bassa langa. Garanzia di alta qualità è il clima è prevalentemente secco, in grado di permettere una maggiore concentrazione zuccherina nell’acino e una migliore qualità per i vini piemontesi qui prodotti.