Apre il Donovan Bar at Brown’s Hotel guidato da Salvatore Calabrese

Apre il Donovan Bar at Brown’s Hotel guidato da Salvatore Calabrese

Da Londra, a cura di Katya Marletta

L’iconico Brown’s Hotel, nel cuore di Mayfair a Londra, recentemente rilanciato dalla riprogettazione completa a cura di Olga Polizzi e Inge Moore, dopo l’apertura del ristorante Beck at Brown’s guidato dallo chef tristellato Heinz Beck, si arricchisce di un’ulteriore perla con l’inaugurazione del nuovo Donovan Bar, dove sarà possibile gustare l’esclusiva carta dei drink curata dal maestro Salvatore Calabrese.

The Donovan Bar at Brown's Hotel

Una nuova sfida, dopo il successo del pop-up Ora al Brown’s Hotel, che alla fine dello scorso anno per sei settimane ha proposto agli ospiti dell’albergo i classici di Beck accompagnati dalle creazioni del celebre bartender. Con il Donovan Bar Calabrese ha creato un innovativo menù completo di creazioni nuove e originali insieme a una selezione di cocktail vintage realizzati con alcuni degli spiriti rari più pregiati della sua collezione personale.

The Donovan Bar at Brown's Hotel

Ospitato in uno degli hotel più eleganti di Londra, il Donovan Bar omaggia con il suo nome il celebre fotografo Terence Donovan, intimo amico della famiglia Forte, proponendo una esclusiva lista di 16 cocktail originali suddivisi in quattro sezioni ispirate alle tecniche fotografiche: la rinfrescante High Exposure; l’oscura Low Exposure; la contrastante High Contrast e la morbida e delicata Low Contrast.

The Donovan Bar at Brown's Hotel

Anche il design rinnovato del bar rispecchia i tratti dell’opera di Terence Donovan, riprogettato dall’interior designer Inge Moore, che ha collaborato con il direttore del design di Rocco Forte Hotels Olga Polizzi dando vita a uno spazio glamour pennellato dalle opere del fotografo.

The Donovan Bar at Brown's Hotel

Nel pieno rispetto dell’architettura classica inglese dell’edificio, la tavolozza dei colori combina il tradizionale British Racing Green con i toni del bianco e grigio, emblema dello stile di Donovan, e con preziosi dettagli in oro. Un equilibrio di riflessi e ombre, superfici lucenti e finiture opache richiamano l’obiettivo della fotocamera, con l’elegante top in vetro del bancone abbinato al pannello bronzato, del tutto simile alle suggestioni del vassoio colmo di liquido impiegato per lo sviluppo delle foto.

The Donovan Bar at Brown's Hotel

Ecco allora l’imponente bancone con otto posti situato al centro della grande sala, con circa 100 coperti. Tra i dettagli più preziosi l’originale vetrata di San Giorgio del XIX secolo e l’imponente collezione di distillati, vini, champagne e altre bevande che risplende sulla raffinata parete attrezzata. Per chi preferisce l’intimità il Donovan Bar offre anche il romantico “Naughty Corner”, un’area semi-privata concepita per ospitare un massimo di 12 persone, dove gustare un cocktail ammirando alcune tra le fotografie più iconiche di Donovan.

The Donovan Bar at Brown's Hotel

Highlights of the new menu

Flower Power – Hendrick’s Gin re-distilled with Rambutan, butterfly pea tea, lemon juice & lavender honey
Gran Torino – Johnnie Walker Gold Label Whisky, Riserva Speciale Martini Bitter, Martini Riserva Rubino, Solerno Blood Orange Liqueur, orange juice & Re’al ginger foam
Lady Forte – Don Julio Blanco Tequila distilled with Timur pepper, blood orange & grapefruit juice, agave and Moët & Chandon Champagne
Naughty Corner – Bacardi White Rum, white cacao liquor, Galliano liqueur, pineapple juice & fresh passion fruit, rimmed with cocoa butter & saffron

Salvatore’s Signature Cocktails

Breakfast Martini – Tanqueray No. 10 Gin, Cointreau, fresh lemon juice & orange marmalade
Godfrey – Hennessey VSOP Cognac, Grand Marnier, Crème de Mur, lemon juice & blackberries

List of Vintage Cocktails

Vesper –Gordons Gin c1950, Smirnoff Vodka c1950 and Kina Lilet 1949
Salvatore’s Legacy – Clos de Griffier Vieux Cognac (1788), Kummel Liqueur (1770), Dubb Orange Liqueur (c1860) & Angostura Bitters (c1930).

www.roccofortehotels.com

Apre il Donovan Bar at Brown’s Hotel guidato da Salvatore Calabrese

Cucine d'Italia consiglia