Aprutino Pescarese Dop: oro verde d’Abruzzo

Aprutino Pescarese Dop: oro verde d’Abruzzo

Nel cuore dell’Abruzzo, tra le colline baciate dal sole racchiuse nell’area conosciuta come vestina, nasce un pregiato extravergine d’oliva, tra i primi in Italia ad aver conquistato la Dop: l’Aprutino Pescarese.

aprutino pescarese

L’olio racchiude nel nome tutta l’essenza delle terre natìe: Aprutino deriva infatti dal latino Aprutium, antico nome dell’Abruzzo.

La coltivazione di ulivi nella provincia di Pescara ha radici antichissime, risalenti all’età romana, come testimoniano i ritrovamenti di reperti dell’epoca. Inoltre la raffigurazione della pianta dell’ulivo in molti stemmi araldici di antichi casati della zona rafforza la tesi della secolare tradizione olivicola.

aprutino pescarese

Tracce scritte dell’eccellenza dei prodotti oleari abruzzesi sono databili ai primi dell’Ottocento, grazie all’opera autobiografica ‘La mia guerra contro i briganti in Abruzzo’ del tenente bonapartiano Rémy d’Hauteroche, mentre nel secolo scorso fu il vate Gabriele D’Annunzio a narrare di olivicoltura nel pescarese nelle ‘Novelle di Pescara’ e nelle ‘Laudi’.

aprutino pescarese

Prodotto in 34 comuni della provincia di Pescara, l’Aprutino nasce da tre cultivar principali: Dritta, Leccino e Taccolana, presenti in una percentuale minima dell’80%, mentre per il restante 20% sono tollerate altre varietà di olive tipiche della produzione locale. Il territorio dell’area vestina, caratterizzato da un clima temperato e da un perfetto equilibrio tra esposizione ai venti e umidità, è naturalmente votato alla coltivazione di frutti di qualità.

aprutino pescarese

La raccolta delle olive avviene tra il 20 ottobre e il 10 dicembre direttamente dalla pianta, a mano o con mezzi meccanici, mentre il processo di molitura non deve attendere oltre i tre giorni dal raccolto. Come stabilito dal disciplinare, tutte le fasi di estrazione dell’olio e di confezionamento devono svolgersi all’interno dell’area di produzione.

aprutino pescarese

Di un bel colore che varia dal verde al giallo, con riflessi dorati, l’Aprutino presenta un aroma e un gusto delicato, piacevolmente fruttato. Si presta volentieri al consumo a crudo, ma è anche perfetto per la preparazione di alcuni tipici piatti pescaresi come il delizioso ‘brodetto’, una zuppa di pesce condita con pomodoro fresco, prezzemolo, peperoncino, aglio, vino bianco secco e pane fritto.

 

Aprutino Pescarese Dop: oro verde d’Abruzzo

Cucine d'Italia consiglia