La sedia Tanya di Visionnaire finalista ai A + Awards 2018

La sedia Tanya di Visionnaire finalista ai A + Awards 2018

Ispirata al design nordeuropeo e all’universo automotive, la sedia Tanya di Visionnaire conquista la nomination ai A + Awards  2018, nella categoria Commercial Furniture.

Tanya di Visionnaire

Un prestigioso riconoscimento per il brand Made in Italy: The Architizer A+Awards si configura infatti tra i più importanti premi di architettura e design a livello mondiale, nato con l’obiettivo di valorizzare le creazioni architettoniche più significative da un punto di vista estetico e funzionale.

Tanya di Visionnaire

Tanya di Visionnaire incarna alla perfezione entrambe le qualità: nata dalla matita dell’architetto Roberto Lazzeroni, esponente di un approccio sperimentale ispirato all’arte concettuale e al Radical Design, la seduta attinge al design nordeuropeo e all’universo automotive, rivelando nelle linee la filosofia del designer, basata sullo studio continuo della storia e delle tradizioni e sulla reinterpretazione delle proprie opere in chiave contemporanea, dando vita a una serie di creazioni contaminate dal sapiente equilibrio tra antico e moderno, senza eccesso di sobrietà nelle linee geometriche, né tantomeno ridondanza estetica.

Tanya di Visionnaire

«Nascosta nel miraggio di una luce della stanza… riprendi la tua danza», così Lazzeroni definisce suggestivamente Tanya, caratterizzata da gambe in alluminio, declinate in antracite metallizzato satinato, progettate per sorreggere una seduta pagoda quasi sospesa, rivestita in morbida pelle da personalizzare in colori e sfumature ispirate alle tonalità della natura, armonicamente avvolgente e dinamica grazie al gioco di pieni e vuoti di schienale e seduta.

Tanya di Visionnaire

Espressione del linguaggio formale di Visionnaire, concentrato sulla ricerca di equilibrio tra materia e forma, tra passato e contemporaneità, richiamando ambienti simbolici e meditativi, Tanya incarna perfettamente la maestria artigianale dell’azienda: la realizzazione, infatti, è tecnicamente molto complessa, prevedendo anche l’impiego di uno stampo a iniezione sia per la scocca che per le gambe.

www.visionnaire-home.com

 

La sedia Tanya di Visionnaire finalista ai A + Awards 2018

Cucine d'Italia consiglia