Mise en place di Natale, ovvero come vestire una tavola a festa.

(parte prima)
La tradizione vuole che i festeggiamenti vengano onorati intorno ad una tavola vestita a festa. Non esistono regole precise, quindi libero sfogo alla fantasia e creatività. Io mi permetto di darvi qualche piccolo consiglio affinché la vostra tavola risulti accogliente, decorata con gusto e semplicità.
Iniziamo dalla tovaglia. Sempre bello il bianco candido, ma anche il classico rosso, le tonalità del bordeaux, il verde pastello, che ben si sposano con il legno, candele e piccole pigne. Se scegliamo una tovaglia a tinta unita, optiamo per dei tovaglioli a contrasto, adagiati sopra al piatto che potremo legare con un nastrino dorato, rosso, argentato, o rafia naturale, magari fissandolo con un rametto di abete, un fiocchetto o con un bastoncino di cannella. Un consiglio: scegliete al massimo tre colori, ad esempio bordeaux, bianco e legno, o verde intenso, beige e rosso carminio ma, per quanto possiate essere patriottici, evitate il classico tricolore, semmai reinventatelo! Anche le decorazioni, sistematele in pochi punti strategici, magari candeline o gusci di noce come segnaposto ed una composizione di fiori, frutta ed agrifoglio come centro tavola, o magari candele galleggianti in un ampio vaso di vetro, o melograni, o piccole mele, o castagne, qualunque sia la Vostra soluzione fate che colori siano sempre in armonia tra loro.
Tirate fuori il vostro servizio delle feste, piatti quadrati, circolari, a stella, come volete, ma fate che siano di bianca porcellana, magari con ampi sottopiatti. Per quanto riguarda le posate, ricordiamo che le forchette vanno a sinistra e devono essere tante quante le portate. Il coltello va a destra, con la lama rivolta verso il piatto; accanto ad esso, se c’è una minestra, va il cucchiaio. Immediatamente sopra troveremo le forchettine per la frutta e il cucchiaio per il dolce. Disponete i bicchieri sulla linea del coltello, evitando di allinearli come soldatini. Servite l’acqua nelle caraffe o in semplici bottiglie di vetro e infine il pane, per ogni commensale, in un apposito piattino alla sinistra del piatto o magari, me non formale, in una busta di carta da fornaio arrotolata ai bordi.
(segue…)

Mise en place di Natale, ovvero come vestire una tavola a festa.

Cucine d'Italia consiglia