Pandoro o Panettone: sfida a colpi di calorie

Pandoro o Panettone: sfida a colpi di calorie

Cosa portare sulla tavola il giorno di Natale: pandoro o panettone? Magari dopo questa breve lettura sulle caratteristiche nutrizionali, la scelta su cosa scegliere sarà forse più facile.

Iniziamo a parlare del pandoro, che da nord a sud è il dolce apprezzato da ogni fascia d’età per la sua semplicità apparente. Ne esistono molte varianti, ma ci soffermeremo sulla versione classica, fatta da uova, burro, zucchero, farina, lievito e aromi vari: un mix di ingredienti per lo più ricchi di  grassi e carboidrati, che convergono in un boom di calorie. Tanto per avere un idea, 100 gr di pandoro ci forniscono ben 400 kcal, ovvero più di un piatto di pasta al pomodoro.

pandoro o panettone

Dal momento che bandire sotto i giorni di festa il pandoro non è possibile, è dunque opportuno adottare misure di controllo per consumarlo senza troppi danni. Proprio per il notevole apporto calorico, sarebbe preferibile consumare una buona fetta di pandoro a colazione assieme a del latte caldo: infatti, l’alta concentrazione di calorie assorbita la mattina può essere facilmente gestita dal nostro organismo durante la giornata.

pandoro o panettone

Per la sera è invece consigliabile optare per una cena proteica, qualora non voleste rinunciare al dolce Veronese coperto di  zucchero a velo. Altra caratteristica “infida” del pandoro è il suo alto indice glicemico, che si traduce  in un “non saziarsi mai”. Esistono però delle varianti vegane un po’ più leggere, a base di latte, zucchero di canna, fecola di patate e farina di manitoba che garantiscono forse meno sapore ma più leggerezza.

pandoro o panettone

E per quanto riguarda il panettone? Per la  sua doppia lievitazione e per la presenza di canditi e uvetta, il panettone possiede ancora più calorie. La chiave viva del panettone è la pasta acida: un prodotto ricavato dalla fermentazione della pasta stessa che ha la funzione di scatenare un ulteriore  fermento  nell’impasto, che produce così lactobacilli in grado di bloccare la formazione di patogeni.

pandoro o panettone

Da un punto nutrizionale il panettone è sconsigliato a chi ha un’ipercolesterolemia ed è a rischio cardiovascolare; unica nota positiva è la quantità di ferro di cui è ricco per la presenza del tuorlo d’uovo. Una versione vegana e con meno sensi di colpa è con la stessa base del pandoro, ma con aggiunta di burro di cacao e frutta secca a vostro gusto.

Dr.ssa Laura Bartoli*

*Biologo nutrizionista – mail: labartoli85@gmail.com

Pandoro o Panettone: sfida a colpi di calorie

Cucine d'Italia consiglia