Poesie, cibo, pollo

Trilussa e la sua citta’.

trilussaC’e’una bella piazza al centro di Roma che ricorda il poeta romano Trilussa.
Al secolo Carlo Alberto Salustri (1871-1950).
Un interprete divertente ed acuto della romanita, dei vizi e e delle virtu’ della bella capitale.
Oggi, tra la gente che fino a tarda notte si intrattiene nella vivace piazza e’ possibile ammirare un piccolo monumento che ricorda il poeta,che riposa presso il cimitero monumentale del Verano.Voci,chiacchiere e vita che si mescolano di giorno e di notte,uno scenario che cambia senza mutare.

Il cibo, il vino e gli umani vizi sono amabilmente raccontati da Trilussa, sagace, pungente, preciso e lucido se non attratto dalle lusinghe del nettare degli dei.

Tanti gli scritti, i sonetti in romanesco, i detti, le massime e le poesie, qui voglio concentrarmi su un aspetto agrodolce che parla di cibo e problematiche sociali.
Ed il pollo?
Il pollo e’ alla base di un ragionamento piu’ ampio che abbraccia il campo della statistica.

La Statistica, della raccolta Roba vecchia (1890-1912).

“Sai ched’e’la statistica?E’na’cosa
che serve pe fa’un conto in generale
de la gente che nasce,che sta male

che more,che va in carcere e che sposa.

Ma pe me’la la statistica curiosa
e’dove c’entra la percentuale,
pe’ via che,li,la media e’sempre eguale
puro co la persona bisognosa.
Me spiego:da li conti che se fanno
secondo le statistiche d’adesso
risurta che te tocca un pollo all’anno:

e,se nun entra nelle spese tue,
l’entra ne la statistica lo stesso
perche’ c’e un antro che ne magna due.

Trilussa analizza, in chiave umoristica, la mancanza di cibo di alcune fasce della popolazione. ‘Il pollo, considerato cosa da ricchi, non compariva su molte tavole e, soprattutto non spesso. Il ragionamento, come un aforisma pone l’accento su un dato oggettivo ma non veritiero, d5sicuramente fuorviante.
La statistica rappresenta per il poeta romano un vero inganno…l’inganno delle medie.

Per lasciarci con dolcezza invito a leggere le spassose pagine di Trilussa per entrare nel suo mondo e conoscere la romanita’ piu’ verace e simpatica.

trilussa4

Patrizia Cesari

Poesie, cibo, pollo

Cucine d'Italia consiglia