Un weekend a Matera tra arte rupestre e cucina d’autore

Un weekend a Matera tra arte rupestre e cucina d’autore

Un paesaggio mistico, quasi irreale, fermo nel tempo. Un presepe di cartapesta che svela la sua “dolente bellezza” dalla quale è impossibile non essere rapiti. Una città, Matera, interamente sospesa tra leggerezza onirica e dimensione materica; una “città sotterranea” che, lì dove la Basilicata lambisce la Puglia, si carica di invitanti promesse.

Vicoli stretti, ripide scalinate o angusti passaggi portano, nella Città dei Sassi, a improvvise aperture o a inaspettate e pittoresche piccole corti e, negli angoli più intimi della Civita materana, al Sant’Angelo Luxury Resort, da cui ammirare le meraviglie patrimonio dell’Unesco dal 1993. Un relais diffuso, un mosaico di camere e suite scavate nella roccia che si stringono in un primitivo abbraccio attorno al cuore pulsante della struttura, il ristorante Regia Corte.

Weekend a Matera

Ogni mattina il dolce profumo delle torte e delle crostate appena sfornate da Anna Maria Calia – chef e proprietaria del Resort insieme al marito Lucio e alla figlia Andrea – inonda la sala da pranzo ricavata dalla grotta e la Lounge Terrace del Sant’Angelo. Un ricco buffet animato dai colori vividi della frutta fresca di stagione è curato in ogni dettaglio da Anna Maria, per restituire tutto il calore di un’accoglienza su misura che invita a rilassarsi e a sincronizzarsi con i ritmi distesi del vivere slow.

Weekend a Matera

Weekend a Matera
La Lounge Terrace

Una volta fatto il pieno di energie con un’abbondante colazione, la giornata a Matera è ancora tutta da vivere. Grazie alla sua posizione privilegiata nel centro storico, basta incamminarsi per pochissime centinaia di metri nel dedalo di cunicoli che circonda il Resort per riscoprire i luoghi mistici dell’arte sacra rupestre. Nel rione Malve una sosta è d’obbligo alla Chiesa di Santa Lucia – parte di un complesso conventuale lauriotico del IX secolo – per ammirare gli affreschi del XII secolo custoditi al suo interno. Da lì, con una suggestiva passeggiata tra le case-grotte scavate nel tufo, si giunge nella pittoresca Piazza del Sedile. Un tempo utilizzata come piazza del mercato, fu sede del Governo comunale dal Cinquecento al 1944, e conserva ancora oggi le quattro statue delle virtù: giustizia, forza, temperanza e prudenza.

Weekend a Matera

Di ritorno al Sant’Angelo ci si può rilassare sorseggiando un profumato calice di vino in Terrazza per prepararsi alla cena davanti a uno spettacolo senza eguali. All’imbrunire, infatti, la scena è poeticamente rubata dalle tantissime luci che, una a una, si accendono come tremolanti fiammiferi a illuminare il panorama della città. Il Menù del Regia Corte unisce, di stagione in stagione, le tipicità di una terra generosa alla freschezza delle materie prime. Ingredienti selezionati da produttori locali per non tradire il legame con il territorio e guidare i commensali in un viaggio nel viaggio, anche culinario.

Weekend a Matera

Weekend a Matera

A seguire l’entrée di Caponatina di melanzane con mandorle e pinoli, non può mancare un tipico primo piatto di “Capunti” con fagioli di Sarconi e lardo lucano. Come secondo consigliamo il sapore delicato ma deciso del Filetto di maialino nero al sale con funghi cardoncelli oppure, per chi non ama la carne, un Baccalà alla Contadina condito con pomodorini, olive, capperi e alloro. Se si lascia un po’ di posto per il dolce la scelta, anche in questo caso, sarà ardua: una Cassatina scomposta o una Mini bavarese al lime per i più curiosi, uno Sporcamuss – quadratino di pasta sfoglia ripieno di calda crema pasticcera e spolverato di zucchero a velo, tipico di Lucania e Puglia – per i più tradizionali amanti della pasticceria locale.

Weekend a Matera

Il paesaggio incantato dei Sassi di cui si gode dalla Terrazza durante la cena accompagna anche nell’after dinner a lume di torce e candele. Nelle tiepide sere d’estate, il gusto dolce e fresco di un cocktail fruttato è il compagno ideale per ripercorrere le scalinate e i vicoletti avvolti dal tufo che conducono alle dimore storiche del Sant’Angelo. Le camere e le suite – grazie all’attento lavoro dell’architetto Stefano Tardito – riproducono fedelmente le tipiche case-grotte di Matera. L’artigianalità della progettazione e dell’arredo degli alloggi ha permesso di ricreare ambienti unici, ognuno diverso dall’altro per adattarsi al meglio alla morfologia della roccia. L’atmosfera all’interno è unica: la luce soffusa delle candele, il bianco delle pareti, i colori neutri delle stoffe e l’eleganza dei letti a baldacchino invitano a ritagliarsi un lungo momento di relax e benessere che faccia librare la mente sopra l’anima addormentata della città.

Weekend a Matera

Weekend a Matera

Nel paesaggio quasi lunare della Capitale europea della cultura 2019, l’Hotel Sant’Angelo è uno scrigno in cui spendere un weekend di piacere. Un labirinto di roccia da scoprire angolo dopo angolo, vicolo dopo vicolo, e dal quale ammirare gli incredibili scorci di un luogo unico nel suo genere, i cui suggestivi “lumi notturni”, come scriveva Giovan Battista Pacichelli, “lo fan parere un cielo stellato”.

Sara Stopponi

Photo credits: Sant’Angelo Luxury Resort

Un weekend a Matera tra arte rupestre e cucina d’autore

Cucine d'Italia consiglia