Zucchero e tanto di piu’ a Lione

Percorsi interessanti tra cibo e arte in Francia.

Ci troviamo in Francia, in una città bagnata da due importanti fiumi, il Rodano e la  Soana.
Lione e’la terza città di Francia dopo Parigi e Marsiglia, di antichissime origini, colonia romana ed al centro di tutte le più grandi trasformazioni storiche ed industriali.
Capitale della seta e della cucina francese. Basti sapere che vi e’ nato il famoso cuoco Paul Bocuse.
Pullulano in città le brasserie ed i bistrot, i ristoranti i grandi alberghi ed i lounge bar.

brioches-ricetta-bimby_400Ovunque e’ possibile assaggiare i piatti tipici della tradizione culinaria francese.
Insalate lyonnaise(insalata verde con pancetta, crostini di pane e uovo in camicia), la zuppa i cipolla gratinata, lo sformato i fegatini di pollo, il sanguinaccio con e mele, i pregiati formaggi, i libidinosi dessert(bignè, crêpes,
brioche,papillote per Natale) , e bagnare il tutto con il buon vino…Le grand cru!
Da visionare il ristorante de Mama Shelter disegnato da Philippe Stark.
Lione e’ una città suddivisa in arrondissement, che ha subito una profonda rivalutazione urbanistica e che ha sfruttato e reinventato i vecchi depositi industriali.

crepesSu tutti, il vecchio zuccherificio de La Sucreriere che oggi ospita ed accoglie i giovani artisti.
Un luogo nuovo, aperto e disponibile per scambi interessanti e fecondi, un posto romantico e frenetico insieme, fermo accanto al fiume Soana e in movimento per il continuo viavai di uomini e idee.

Vien voglia di conoscere e visitare Lione, trasmette energia e lega al passato.
Una città che ha dato i natali al grande Antoine de Saint-Exupery, che scriveva e trasvolava quelle terre, i sognatori fratelli Lumiere(in città il museo dedicato alla storia del cinema!), e a diversi inventori e capaci industrilai(fra cui il padre della prima machina da cucire).

Un ultimo consiglio, la città si veste di luci ogni 8 dicembre e diventa uno spettacolo nello spettacolo!
Da vivere!

Patrizia Cesari

Zucchero e tanto di piu’ a Lione

Cucine d'Italia consiglia