Torgiano Rosso Riserva DOCG: ambasciatore d’Umbria

Lungo le dolci colline del suggestivo borgo medievale di Torgiano, dominato dall’antica e maestosa Torre di Giano da cui il nome, sorgono rigogliose le uve Sangiovese che danno vita a una delle eccellenze dell’Umbria: il Torgiano Rosso Riserva DOCG.

Torgiano Rosso Riserva DOCG

La coltivazione della vite in queste zone risale all’età etrusca: non a caso sullo stemma del Comune di Torgiano sono raffigurati grappoli di uva accanto alla torre simbolo della città.

Torgiano Rosso Riserva DOCG

L’area di produzione comprende le colline del comune di Torgiano, in corrispondenza della confluenza della valle del Tevere con quella del Chiasco. La zona è caratterizzata da un clima mite con forti escursioni termiche tra giorno e notte, un terreno argilloso e limoso che insiste sulle tipiche rocce tufacee del borgo: un microclima perfetto per la produzione di uve di qualità dalle intense doti aromatiche.

Torgiano Rosso Riserva DOCG

La prestigiosa DOCG, denominazione d’Origine Controllata e Garantita, risale al 1990 e rappresenta la prima DOCG assegnata a un vino umbro: un riconoscimento importante per un vino che, nonostante l’elevata qualità, ha attraversato un periodo di scarsa fortuna sino alla sua rinascita nel secondo dopoguerra, quando alcuni viticoltori guidati da Giorgio Lungarotti rilanciarono con forza la cura del vigneto, affinando la qualità della vinificazione e preparando la strada all’ottenimento della DOC nel 1968 e, quindi, della DOCG.

Torgiano Rosso Riserva DOCG

Prodotto con almeno il 70% di uve Sangiovese, vitigno robusto e vigoroso capace di crescere rigoglioso anche sui territori più complessi, il Torgiano Rosso Riserva DOCG può all’occorrenza essere integrato per il restante 30% da altri vitigni a bacca rossa, non aromatici, coltivati in Umbria, come il canaiolo, il ciliegiolo o il montepulciano. Il periodo minimo d’invecchiamento è di 3 anni, dei quali almeno 6 mesi di affinamento in bottiglia.

Torgiano Rosso Riserva DOCG

Vino strutturato e complesso, di color rosso rubino brillante, con riflessi granato ancor più intensi con l’avanzare dell’invecchiamento, al naso esprime un bouquet floreale di violetta e rosa, con note primarie fruttate di ciliegia, amarena, prugna, piccoli frutti a bacca scura, e note terziarie speziate di vaniglia, cuoio e cioccolato. In bocca è secco, caldo, armonico e strutturato, moderatamente tannico.

Torgiano Rosso Riserva DOCG

Vino di corpo da gustare in abbinamento a primi piatti saporiti, formaggi stagionati, carni rosse o selvaggina cotte allo spiedo, alla griglia o in forno.