In viaggio con i gazzosai

Un suggestivo viaggio alla scoperta del mito dei gazzosai raccontato da uno dei più grandi network di distribuzione del settore food & beverage: Partesa, leader da oltre 25 anni nei servizi di vendita, distribuzione, consulenza e formazione per il canale Horeca.

gazzosai

Dopo il successo di Siamo tutti gazzosai, l’amministratore delegato di Partesa Riccardo Giuliani firma il seguito In viaggio con i gazzosai, edito da Cinquesensi, avvalendosi stavolta della collaborazione del giornalista Carlo Cambi, esperto di enogastronomia e fondatore de I Viaggi della Repubblica.

«Abbiamo cominciato a raccontare la nostra storia perché si sappia come si fa a trasportare 680 milioni di colli, chi lo fa, perché lo fa. Abbiamo voluto raccontare i nostri valori perché si comprenda l’importanza di ciò che facciamo». Riccardo Giuliani

Riccardo Giuliani esprime così nell’introduzione le motivazioni che lo hanno spinto a bissare l’esperienza narrativa con un nuovo viaggio emozionale, dal sentore frizzante e zuccherino.

gazzosai

Il protagonista del libro è un camioncino in viaggio per l’Italia: lungo l’itinerario si dipana la narrazione delle fatiche e delle passioni di un lavoro nato per far felici gli altri, la storia di un impegno quotidiano che caratterizza i moderni gazzosai, così come quelli comparsi alla fine della seconda guerra mondiale ad allietare le giornate estive dei bambini.

iin viaggio con i gazzosai

Gli anni del boom, narrati magistralmente da Carlo Cambi, riportano a un passato fatto di ciambelle zuccherate e bibite caramellate, attraverso gli occhi di un bambino che esultava alla vista di una bottiglietta spumeggiante.

«La gazzosa purpurea era un innocente godimento che aveva però la grazia – attraverso colori sgargianti del liquido – di trasportarci nel regno di Fantasia». Carlo Cambi.

gazzosai

Nell’affascinante introduzione al libro Cambi ripercorre la sua infanzia, le sensazioni fanciullesche di un bambino a metà degli anni Sessanta, la sua personale esperienza con i carretti dei gazzosai, ma soprattutto il momento in cui ha deciso di salire a bordo del camioncino Partesa per dare il via a una nuova avventura.

«Un camioncino sostava e quel ragazzo scaricava birre, acqua minerale, vino, bibite… Me ne sto qui in piazzetta a Castiglioncello […]. Guardo il camioncino e vedo il telone ordinato, quasi una livrea elegante direi, con la scritta Partesa. Lui scarica, appoggia al bar e fa un nuovo viaggio. Ordine pesante, in tutti i sensi, considero. Poi com’è venuto, mette in moto e se ne va […]. Avessi potuto fare due chiacchiere con il ragazzo del camioncino avrei saputo come fanno oggi, dove vanno oggi i gazzosai […].Quante volte ho visto bottiglie andare su e giù, e quante volte in un bar ho chiesto una Heineken, un panino, e quante volte ho odorato il frizzante aroma dell’aranciata […]. E quella scritta Partesa che definisce un modus operandi e un mondo a declamare un pezzo delle mie origini e pormi l’urgenza di conoscere per ri-conoscermi. Si è deciso: si parte per sapere come fanno e dove vanno oggi i gazzosai. Seguitemi!». Carlo Cambi.

gazzosai

Dai ritratti di uomini e donne impegnati nella distribuzione di bevande, si passa all’analisi dei processi di cambiamento che hanno investito un settore in continuo divenire, al fine di comprenderne le sfide quotidiane.

«La nostra storia è la storia di chi contribuisce a rendere possibile l’incontro nei luoghi dove si va per ristorarsi, per sentirsi comunità, in quel mosaico affascinante di desideri e necessità che compone lo stile di vita italiano». Riccardo Giuliani.