L'oliveto sul mare di Menfi: oro verde dell'azienda Planeta

A Capparrina, a due passi da Menfi in Sicilia, un terreno di 150 ettari conosce ora nuova vita grazie a un grande progetto di tutela del paesaggio e della qualità dell’olio: l’azienda Planeta ha infatti qui piantato altri 13 mila alberi di olivo, completando così uno degli oliveti più estesi dell’isola, racchiuso tra due piccoli fiumi e le bianche spiagge di Menfi.

oliveto menfi azienda planeta

Di fronte al mare, ora la collina è una grande macchia di piante mediterranee a protezione della costa, un’oasi in cui convivono anche rari esemplari di flora, come la palma nana e i gigli di mare, e la fauna selvatica, tra istrici, upupe e vari rapaci notturni e diurni. Piantare olivi ha infatti un forte valore ambientale.

oliveto menfi azienda planeta

La tradizione dell’olio è da secoli parte integrante della famiglia Planeta, ma solo dal 1998 è diventata un progetto affiancato con pari dignità alla produzione del vino. Il frantoio si trova al centro dell’azienda ed è dotato di un nuovo decanter a due fasi, completo di gramole sovrapposte in grado di estrarre l’olio con delicatezza.

oliveto menfi azienda planeta

La raccolta delle olive avviene a mano, dopodiché si passa immediatamente alla frangitura, così da ottenere un olio extravergine in poche ore. Tre sono gli oli dell'azienda Planeta che nascono da questa collina: l’olio extravergine Tradizionale, ottenuto dalla spremitura a freddo delle olive intere di di Nocellara del Belice, Biancolilla e Cerasuola, unite in blend, e due oli extravergine Planeta denocciolati, prodotti seguendo scrupolosamente il disciplinare della DOP e attraverso controlli di qualità rigorosi.

oliveto menfi azienda planeta

«Se pensiamo che l'Italia, pur con oltre un milione di ettari di oliveto, copre solo il 35% del proprio fabbisogno di olio d’oliva, è facile intuire quale enorme opportunità sia per il Paese l’investire nella creazione di nuovi oliveti, dando anche un tangibile e decisivo contributo alla salvaguardia dell'ambiente e del paesaggio», spiegano Alessio, Francesca e Santi Planeta. «Ci auguriamo che la Sicilia, centro del Mediterraneo, rappresenti il rinascimento dell’olivicoltura, come da millenni è stata culla dell’olivo, che alla civiltà si è da sempre accompagnato».